ALLA VERGINE MARIA
_______________
Quante volte ho gridato il tuo nome sotto la sferza del dolore!
Quante volte ho cercato il tuo sguardo con i miei occhi umidi di angoscia!
Quante volte ti ho confidato i miei tormenti in preda alla disperazione!
E ogni volta la tua presenza silenziosa e materna ha illuminato e confortato
quelle ore tristi e pesanti della mia vita, che non ho mai più dimenticato.
Né avrei potuto farlo, nonostante i miei propositi non mantenuti,
le mie promesse non adempiute, le mie ingratitudini e le mie infedeltà.
Perché sei tu che non ti dimentichi mai di me.
Ed è per questo che ancora una volta mi rivolgo a te,
con la stessa fiducia e con lo stesso abbandono nella tua inesauribile bontà e
nella tua misericordia senza limiti.
So che le mie tristezze ti addolorano, che le mie sofferenze amareggiano il tuo cuore.
Perdonami perciò se vengo a parlarti di ciò che ora affligge e distrugge la mia vita.
Presso il tuo Gesù, unico nostro Redentore, intercedi per me.
E' Lui stesso che ti ha dato a me, a ciascuno di noi,
perché tu potessi compiere sempre e dappertutto questa tua missione materna.
Vorrei pregarti ancora e riesco soltanto a pronunziare le tue stesse parole:
“Si faccia di me secondo la volontà di Dio!”
Non so dirti altro.
Ma io so che tu già conosci tante altre cose che le mie labbra non diranno mai.
E che già da questo momento qualcosa sta accadendo dentro di me,
che appartiene al tuo cuore di Madre di grazie e di misericordia.
(Salve Regina)