Image0003

Parrocchia s. Andrea apostolo

HOME BACHECA LA COMUNITA' CENNI STORICI LE CHIESE ASSOCIAZIONI CONTATTI

 

                           

madonna tivoli

 

Diocesi di Tivoli

 

 

      Carissimi sacerdoti, diaconi, consacrate e consacrati, fratelli e sorelle nel Signore,

dopo avervi consegnato nella scorsa Pentecoste il Piano Pastorale "Per fede Abramo", che per la nostra Chiesa diocesana rimane punto di costante riferimento pastorale per questi anni, dopo aver sentito i Consigli Presbiterale, Pastorale e la Consulta diocesana delle Aggregazioni Laicali, sono lieto di affidarvi, in questa Pentecoste 2013, il presente Sussidio per l'applicazione del Piano Pastorale quadriennale per l'anno 2013-14: "Per fede... Maria".

 

                  Con esso intendo innanzitutto riassumere brevemente il cammino fatto o almeno che abbiamo tentato di compiere in questo primo anno 2012-13 e proporre per la vita delle nostre comunità parrocchiali, aggregazioni laicali, nuove comunità e di ciascun singolo fedele, la figura di Maria Santissima che, durante il prossimo anno 2013-14 – che desidero si viva in Diocesi come Anno Mariano – metta al centro delle nostre riflessioni, del nostro pregare ed agire lo stile di vita di Maria e la sua capacità di ascolto-obbedienza alla Parola di Dio affinchè Ella aiuti tutti a percorrere i suoi passi nella fede per far crescere la temperatura spirituale di ciascun fedele tiburtino e dell'intera nostra Chiesa.

                   I contenuti di questo Sussidio – che verranno opportunamente sostenuti e promossi dagli Uffici di Curia e da appositi gruppi di lavoro che vedranno coinvolti sacerdoti, diaconi, religiose e religiosi, fedeli laici e gli organismi consultivi diocesani –, non dovranno essere considerati come "un di più" rispetto alla cosiddetta pastorale ordinaria delle nostre parrocchie e comunità, ma un vero e proprio aiuto per farle essere maggiormente ciò che devono essere: comunità che ascoltano la Parola, che celebrano i sacramenti – primo tra tutti l'Eucaristia –, camminano sui passi di Colei che è madre e modello di fede per tutti i credenti, aperti alla capacità di generare alla fede i ragazzi, i giovani e le famiglie nonchè di accompagnare chi ha maggiormente necessità di attenzione e carità.

 

                            Un aiuto – questo Sussidio – per attuare alcuni punti del Piano Pastorale "Per fede Abramo" e soprattutto per imparare sempre di più ad essere credenti e non soltanto praticanti e a rafforzare la nostra fede consapevoli di quanto più volte ebbe a ripetere il grande Papa Giovanni Paolo II durante il suo pontificato ossia che "la fede si rafforza donandola".

 

                       Auspico dunque che il presente Sussidio – che entro la fine del mese di giugno verrà coronato da un calendario diocesano per la miglior programmazione del prossimo anno pastorale anche nelle parrocchie – venga accolto da tutti come un vero e proprio aiuto per continuare a perseguire gli obiettivi proposti nell'Anno della Fede e soprattutto per camminare insieme.

 

                         So bene che camminare insieme non è facile, che le tentazioni di camminare più speditamente di altri sussistono sempre da parte di qualcuno così come persistono, da parte di altri, le tentazioni di camminare lentamente, di guardare gli ostacoli senza un filo di ottimismo e speranza, oppure di guardare più a ciò che ci divide che a quanto ci unisce. Tutto ciò blocca la vita della Chiesa, la trasmissione della fede, il vivere autenticamente il Vangelo, l'ecclesialità e la missionarietà.

Tutto ciò blocca il bell'annuncio della misericordia di Dio che il mondo attende con ansia e probabilmente rende meno felice anche chi, in un modo o nell'altro, si isola pensando di salvarsi da solo.

                        Questo Sussidio, come il Piano Pastorale, chiedono dunque a tutti di mettere da parte i nostri "se" e "ma", i nostri modi di pensare carichi di una prudenza che a volte giustifica la pigrizia, la solitudine pastorale, la mancanza di comunione impedendo a tanti nostri fratelli e sorelle di vivere insieme la bellezza della fede che affannosamente cercano. Bensì chiede a tutti di vivere il frutto della Pentecoste che è comunione, ardore apostolico, desiderio di portare alla moltitudine di quanti la accoglieranno la bella notizia del Risorto che è il contenuto centrale della parola di Dio.

 

                    In questo giorno, Vigilia di Pentecoste, affido a Maria Santissima, Regina degli Apostoli e presente con loro nel cenacolo quando lo Spirito Santo scese e fondò la prima Chiesa, le intenzioni e i progetti raccolti in queste pagine. Nella preghiera chiedo che il medesimo Spirito, tramite le parole di questo Sussidio, infiammi i cuori e ci spinga alla comunione per la missione che ha come centro la parola di Dio e pongo con grande fiducia questo testo nelle mani della mia amata Chiesa Tiburtina confidando che l'impegno nel realizzare quanto esso propone sia ricco e fecondo di bene per tutti.

 

                    Con questi auspici tutti benedico, a cominciare dai miei cari sacerdoti senza i quali non potrei certo pensare di realizzare quanto qui esposto per il bene della nostra Diocesi, ed assicuro per ciascuno il costante ricordo nella preghiera mentre domandando per me la vostra.

 

 

+ Mauro Parmeggiani

Vescovo di Tivoli

Tivoli, 18 maggio 2013

Vigilia di Pentecoste